CAMPIONATO 2022/23

Milano, 19 marzo 2023 - XXVII° giornata

Inter - Juventus 0-1

Inter: Onana, Darmian (79’ Correa), De Vrij, Acerbi, Dumfries (83’ Bellanova), Barella (63’ Mkhitaryan), Brozovic, Calhanoglu, Dimarco (63’ D’Ambrosio), Lukaku (79’ Dzeko), Lautaro Martinez. A disposizione: Handanovic, Cordaz, Gagliardini, Asllani, V. Carboni, Zanotti, Fontanarosa. Allenatore: Simone Inzaghi

Juventus: Szczesny, Gatti, Bremer, Danilo, De Sciglio (75’ Cuadrado), Fagioli, Locatelli, Rabiot, Kostic, Soulé (66’ Chiesa, 83’ Paredes), Vlahovic. A disposizione: Pinsoglio, Perin, Bonucci, Di Maria, Rugani, Sekulov, Iling-Junior, Barrenechea. Allenatore: Massimiliano Allegri

Rete: 23' Kostic

Arbitro: Daniele Chiffi di Padova; assistenti Preti e Berti; IV° uomo Marinelli; addetti VAR Mazzoleni e Piccinini

Note: spettatori paganti 75.224; angoli 6 a 4 per l' Inter; ammonito al 30' Barella, 31' Gatti, 71' Rabiot, 88' Danilo, 91' Paredes, 97' D' Ambrosio, 97' Brozovic; a fine partita espulsi Paredes e D’Ambrosio per reciproche scorrettezze; recupero pt 6' e st 7'

Inizio di gara con l' Inter che parte molto forte e con la Juventus che si rintana nella propria metà campo. Al 3' bella conclusione, di destro, da parte di Barella con Szczesny che respinge, con i pugni, la palla e al 18' triangolo in area tra Lukaku e Barella, tiro a botta sicura da parte di Barella e pallone che viene respinto da Szczesny. Passa un minuto e punizione per l' Inter, batte Calhanoglu che calcia di potenza con Locatelli che mette la sfera in calcio angolo. L' Inter gioca, spreca e al 23' viene presa in contropiede da un lancio dalle retrovie della Juventus, pallone che giunge a Rabiot che lo controlla, con la complicità di Vlahovic, e che lo passa al liberissimo Kostic che, indisturbato, prende la mira e, in diagonale, lo manda sul palo lontano, dove Onana, coperto da Dumfries, non arriva. Proteste da parte dei nerazzurri per un presunto tocco di braccio da parte di Rabiot e anche da parte di Vlahovic, lunghissima attesa per un consulto con la sala VAR e dopo quasi 4 minuti il sig. Chiffi indica il centro campo, gol incredibilmente convalidato malgrado ben tre, due dei quali clamorosi, tocchi di mano. La partita s' incattivisce ancora di più e di calcio giocato se ne vede molto poco. Al 41' traversone di Fagioli per Kostic che, sul secondo palo, è anticipato da Barella e al 42' traversone di Barella con Lukaku che trova il colpo di testa ma non inquadra la porta juventina. Cinque minuti di recupero e primo tempo che termina con la Juventus in vantaggio di una rete a zero. Il secondo tempo inizia con l' Inter che continua a fare la partita e che al terzo minuti si rende pericolosa con un traversone di Barella per Dimarco che tira al volo, pallone respinto da De Sciglio e che giunge a Brozovic il quale, d' istinto, tira verso la porta vuota con il pallone che però esce al lato e alto. Al 58' azione in contropiede della Juventus, pallone che giunge a Vlahovic il quale tira debolmente verso Onana che blocca e con Fagioli che si dispera essendo liberissimo in area di rigore. Al 60' tiro dalla distanza da parte di Locatelli con Onana che blocca in due tempi e al 62' calcio di punizione per l' Inter, calcia Calhanoglu con Lukaku che, sul secondo palo, è anticipato da Szczesny. Al 63' traversone a giro da parte di Dimarco con il pallone che attraversa tutta l' area bianconera senza che nessuno sia pronto ad intervenire e al 72' calcio di punizione calciato da Calhanoglu, il tiro è potente e pallone che rimbalza davanti a Szczesny che riesce a bloccare, di petto, la sfera. Al 76' Acerbi devia un tiro di Kostic e al 78' Chiesa mette un bel pallone a centro area nerazzurra, la sfera sta per giungere a Locatelli ma Onana la devia e mette fuori causa il centrocampista bianconero. All' 86' azione tambureggiante dell' Inter con tiro finale di Mkhitaryan che manda la palla a lato. Cinque minuti, che poi diventeranno sette, di recupero e al 93' Kostic anticipa di giustezza Lautaro Martinez mandando il pallone in calcio d' angolo. In area di rigore juventina scende anche Onana che viene anticipato da un giocatore della Juventus, pallone che giunge a Mkhitaryan che, dal limite, si esibisce un una bella conclusione al volo con la palla che termina di poco alta. Negli ultimissimi minuti non si gioca più per le ripetute e reciproche scorrettezze e alla fine l' incontro termina con la Juventus che esce vittoriosa per una rete a zero.